Il museo nasce nel 1977 a Cupra Marittima dalla necessità di esporre al pubblico la consistente collezione di conchiglie di Tiziano e Vincenzo Cossignani.

Muove i primi passi con sedi provvisorie, con l’organizzazione di mostre in varie città d’Italia e con l’istituzione di un museo didattico presso le scuole elementari di Cupra Marittima. Dal 1988 il Museo trova collocazione nella sede definitiva in via Adriatica Nord, 240.

La costruzione, una struttura di 3.000 metri quadri di superficie, oltre all’area espositiva contiene una sala convegni per 200 persone, una sala didattica per 80 studenti, una sala proiezioni con 50 posti, una biblioteca, un laboratorio per la tipizzazione delle conchiglie e la fotografia, un negozio e pareti attrezzate per la pinacoteca e la piastrelloteca malacologica.

Le collezioni
Il Museo Malacologico espone 900.000 reperti in un “fronte-vetrine” di 1800 metri. Le teche sono predisposte per una visione ottimale e per la migliore tutela del patrimonio museale.

Le sezioni in cui si articola il museo sono molteplici, tutte dotate di sintetiche schede didattiche:

– Malacopaleontologia

– Cefalopodi, Gasteropodi e Bivalvi

– Perle e Madreperle

– Squali, Coralli, Madrepore e Granchi

– Africa, Maschere e Misteri

[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m18!1m12!1m3!1d2916.1253521778312!2d13.855535000000007!3d43.03879399999998!2m3!1f0!2f0!3f0!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x1332193accaae581%3A0xe1dac9487d6c7f97!2sMuseo+Malacologico+Piceno!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1416392998761&w=930&h=300]