Il CEA – Centro di Educazione Ambientale “Rifugio Escursionistico Mario Paci” è situato nel territorio comunale di Ascoli Piceno, a 903 m di altitudine, lungo la Strada Provinciale 76 che dal Colle San Marco conduce alla località di San Giacomo (TE), ai confini tra Marche e Abruzzo, alle porte del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, nel Sito Natura 2000 denominato Montagna dei Fiori.

foto-rifugio-paci-1

Il paesaggio intorno al CEA presenta caratteristiche simili a quelle degli altri massicci calcarei dell’Appennino Centrale con la concomitanza di due ambienti naturali apparentemente contrapposti: prati brulli e roccia viva in alta quota, valli rigogliose e ricchi bacini acquiferi ai piedi della montagna.

Sono presenti boschi di faggio e visibili interventi di rimboschimento a conifere (pino nero, pino silvestre, pino mugo, cedro atlantico, abete bianco, abete rosso) nelle zone del Il Bosco dell’lmpero, risalente agli anni ‘30, e del Il Bosco della Casermetta, risalente alla Prima Guerra Mondiale. Non mancano carpini bianchi, querce sul monte Vena Rossa, carpini neri e castagneti in prossimità dell’Eremo di San Marco.

Il territorio della Montagna dei Fiori ha, inoltre, una pregevole vocazione faunistica: si possono osservare moltissime specie di uccelli (aquila reale, falco pellegrino, poiana, allocco, gheppio), di roditori (ghiro, scoiattolo, lepre), di carnivori come la volpe, il lupo, il tasso, la faina, la donnola, la puzzola, il cinghiale, di rettili come la vipera dell’Orsini e di anfibi come il tritone punteggiato.

escursioneW

 
Tra le diverse attività didattiche, di particolare importanza è il percorso costruito intorno al Rifugio con la presenza di un laghetto artificiale, realizzato per la preservazione di particolari piante acquatiche autoctone e di alcune specie di anfibi come rane, rospi, tritoni e salamandre, tipici dell’ltalia centrale.

Dal punto di vista culturale, la struttura è circondata da luoghi molto suggestivi e facilmente raggiungibili: l’Eremo del Colle San Marco del XIII secolo, la grotta del Beato Corrado, le “caciare” (costruzioni in pietra a secco a forma di igloo utilizzate come ricovero temporaneo per i pastori), il sentiero della Resistenza, la vicina città di Ascoli Piceno ed il borgo storico di Castel Trosino.

[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m14!1m8!1m3!1d2926.6779577160164!2d13.575625!3d42.816291!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x1331e2c50a3be47d%3A0x306319c8efbffe57!2sRifugio+escursionistico+e+Centro+di+Educazione+Ambientale+Mario+Paci!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1416309566752&w=930&h=300]